Le Pinse

La ricetta originale della Pinsa romana, proviene dalle popolazioni contadine fuori le mura, le quali grazie alla macinazione di cereali (miglio, orzo e farro) con l’aggiunta di sale ed erbe aromatiche, cucinavano queste schiacciatine o focacce. “Pinsa” deriva dal latino Pinsere, allungare-schiacciare.

Le caratteristiche principali della Pinsa Romana sono:
la Forma ovale, rettangolare e non circolare;
la Fragranza croccante nei bordi e morbida all’interno;
la Digeribilità, grazie a diverse tecniche di lievitazione-maturazione;
la Farina, proveniente da una ricetta segreta.

Grazie alla sua leggerezza la Pinsa Romana è particolarmente adatta a condimenti alternativi, che possono sposarsi perfettamente con la pasta di questo prodotto. La possibilità di assaporare ricette sfiziose è un sogno che diventa realtà dall’Oste De Coste.

Pinsa Lardellata (mozzarella, scamorza, radicchio trevignano, Lardo di Colonnata e Glassa di Aceto Balsamico)
Pinsa Montanara (Pancetta, funghi e crema di tartufo)
Pinsa Romana (mozzarella, mortadella, pistacchi e pesto di basilico)
Pinsa Alto Adige (zucchine, mozzarella allo zafferano, speck e crema di stracchino alle erbe)
Pinsa Capricciosa (mozzarella, pomodoro, prosciutto, carciofini, olive, uovo, funghi)
Pinsa Flower (mozzarella, fiori di zucca, salmone, lime, pepe rosa)
Pinsa Margherita (pomodoro, mozzarella e basilico)
Pinsa Carbonara